La parodontite, conosciuta anche come piorrea ( nella sua forma più severa ) può avere gravi conseguenze sulla salute orale e generale se non trattata tempestivamente. In questo articolo, esploreremo le domande più comuni sulla parodontite e forniremo risposte chiare e informative per aiutarti a comprendere meglio questa condizione e le sue implicazioni.

Qual è la differenza tra la parodontite e la gengivite?

La principale differenza tra la parodontite e la gengivite sta nella gravità e nell’entità dell’infiammazione.
La gengivite è una forma più lieve di malattia parodontale, caratterizzata da infiammazione e sanguinamento delle gengive senza coinvolgimento dei tessuti parodontali profondi. La parodontite, d’altra parte, coinvolge anche l’osso e il legamento che tiene i denti in posizione.
Ricorda: la gengivite è reversibile mentre la parodontite una volta sviluppata è irreversibile. Prima di arrivare a sviluppare una parodontite si passa sempre prima per una gengivite !!! Quindi è fondamentale la prevenzione!

Quali sono i fattori di rischio per lo sviluppo della parodontite?

I fattori di rischio per lo sviluppo della parodontite includono la placca dentale, il diabete, il fumo, una dieta non equilibrata, lo stress, la predisposizione genetica e la presenza di altre malattie sistemiche. Anche l’igiene orale inadeguata e l’assenza di controlli dentali regolari possono aumentare il rischio di sviluppare la malattia. Per questo, mantenere un controllo regolare sulla salute orale e generale può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare la malattia.

Posso prevenire la parodontite? Quali sono le misure preventive più importanti?

Sì, la parodontite può essere prevenuta adottando buone pratiche di igiene orale e mantenendo uno stile di vita sano.
Le misure preventive più importanti includono spazzolare i denti almeno due volte al giorno, utilizzare il filo interdentale o gli scovolini per pulire tra i denti, fare visite regolari dal dentista per controlli e igiene professionale ed evitare il fumo eccessivo e adottare uno stile di vita sano.

Quali sono le conseguenze a lungo termine della parodontite se non trattata?

La parodontite si sviluppa con riassorbimento osseo attorno all’elemento dentario. Se non trattata, può portare a gravi conseguenze a lungo termine, tra cui la perdita dei denti, la recessione gengivale e persino pus, sanguinamenti importanti, dolore.
È fondamentale affrontare la parodontite tempestivamente per prevenire tali conseguenze. La parodontite può portare a uno stress infiammatorio cronico con ripercussioni sull’intero organismo.

La parodontite può influenzare la mia salute generale oltre che quella dentale?

Sì, la parodontite è stata associata a una serie di problemi di salute generale. Studi scientifici hanno evidenziato una connessione tra la parodontite e 57 condizioni sistemiche e le più consolidate sono il diabete, le malattie cardiovascolari e le complicazioni durante la gravidanza. Si ritiene che l’infiammazione cronica associata alla parodontite possa contribuire all’aumento del rischio di queste condizioni.

Cosa succede durante una visita dall’odontoiatra per la parodontite? Che tipo di procedure dovrò affrontare?

Durante una visita dall’odontoiatra per la parodontite, il medico o l’igienista dentale esamineranno attentamente la salute dei denti, delle gengive e dei tessuti di supporto. Verranno eseguite misurazioni cliniche e radiografie dentali.
Il piano di trattamento dipenderà dalla diagnosi e consisterà in una serie di step che vanno dal controllo dei fattori di rischio, all’igiene professionale, alla strumentazione sottogengivale ed eventualmente alla chirurgia parodontale.

Quali sono le opzioni di trattamento disponibili per la parodontite e quali sono i loro effetti collaterali?

Le opzioni di trattamento per la parodontite possono includere l’igiene orale professionale, la terapia antibiotica e in alcuni casi interventi chirurgici.
Gli effetti collaterali dipendono dal tipo di trattamento e dalle condizioni individuali del paziente, ma possono includere sensibilità ai denti, gonfiore o dolore temporaneo.

Puoi approfondire qui come si cura la parodontite.

La parodontite è contagiosa? Posso trasmetterla ad altri?

La parodontite non è una condizione contagiosa. I batteri diventano patogeni nel momento in cui crescono in maniera eccessiva e, a causa di un’elevata suscettibilità personale, l’organismo si iperinfiamma con lo sviluppo della malattia.

La parodontite può portare alla perdita dei denti? Come posso evitare che ciò accada?

Sì, la parodontite avanzata può portare alla perdita dei denti poiché danneggia irreversibilmente i tessuti di supporto del dente. Per evitare ciò, è fondamentale trattare la parodontite tempestivamente e seguire le raccomandazioni del dentista per un buon regime di igiene orale.

Come posso sapere se la mia parodontite è in fase avanzata?

La fase severa della parodontite può manifestarsi con sintomi come sanguinamento, pus eccessivo, dolore o bruciore gengivale. Tuttavia, è importante non aspettare che i sintomi avanzati si manifestino prima di cercare trattamento. Ricorda che quando ci sono questi sintomi importanti oramai i tessuti di supporto del dente sono stati persi in maniera irreversibile. Consultare regolarmente il dentista per una valutazione della salute dei denti e dei tessuti di supporto può aiutare a individuare precocemente eventuali problemi.

La parodontite può verificarsi solo negli adulti più anziani o può colpire anche i giovani?

Anche se la parodontite è più comune negli adulti avendo un picco intorno ai 40 anni, può verificarsi anche in giovani adulti e persino nei bambini. I primi casi di parodontite documentata in letteratura sono intorno ai 17 anni.

Parodontite e alitosi

La parodontite può causare anche alitosi, comunemente nota come alito cattivo. Questo legame deriva dalla presenza di batteri anaerobici nelle tasche gengivali profonde, che si sviluppano a causa dell’infiammazione. Per questo è fondamentale la pulizia professionale dei denti e della lingua, che possono aiutare a controllare la crescita batterica e migliorare l’alitosi. Anche una corretta igiene orale quotidiana è essenziale per mantenere risultati duraturi e prevenire la recidiva di entrambe le condizioni.